Come Diventare un Archivista

L’archivista è una figura professionale che si occupa dell’inventariazione, la divulgazione e la valorizzazione del patrimonio documentario, che viene affidato all’archivio, applicando i criteri scientifici generali e quegli specifici dell’area e del periodo storico di produzione della documentazione.

L’Archivista compie un’attività di ricerca scientifica e di studio, di consulenza e di elaborazione, in diversi campi: artistico, storico, diplomatico, giuridico, economico o delle scienze sociali.

Gli archivi si possono distinguere in: corrente, con protocolli presenti nella maggior parte delle organizzazioni; di deposito, contenente documenti con un’età compresa tra i 5 e i 40 anni; storici, con materiale documentario, ritenuto meritevole di conservazione.

Nell’ambito delle diverse tipologie, l’Archivista svolge:

– un’attività di conservazione, che consiste nell’ordinamento e nella schedatura dei documenti che si trovano nell’archivio e nella creazione di archivi di sicurezza; nella realizzazione di trascrizioni anche paleografiche e nel controllo dello stato di conservazione delle serie archivistiche e dei fondi di pergamene, selezionando quali sono le opere più pregiate e predisponendo la relativa fotoriproduzione di sicurezza, chiedendo anche un’eventuale restauro per le serie minacciate da distruzione per cause fisico-chimiche o biologiche;

– un’attività di ricerca, di assistenza scientifica e di valorizzazione: effettuerà la redazione di pubblicazioni, la conduzione di visite guidate, l’assistenza al pubblico e soprattutto agli studiosi, per decifrare le scritture e i simboli, o per studiare i sigilli e le gemme lavorate (“sfragistica”), o ancora verificare la morfologia dei documenti, l’evoluzione e le vicende subite dalle serie archivistiche. In questo ambito rientrano l’allestimento di mostre e anche la gestione della sala di consultazione.

Gli Archivisti di Stato hanno la responsabilità di controllare l’esportazione ed il commercio dei beni archivistici e di istituire la rivendicazione di quelli di pertinenza del demanio dello Stato.

Oltre alle conoscenze che riguardano le discipline specifiche di questa professione, come archivistica, paleografia e diplomatica, sono necessarie anche delle competenze per l’organizzazione e la conservazione del patrimonio documentario, secondo le nuove tecniche archivistiche, utilizzando dei supporti informatici, magnetici e di lettura ottica. E’ fondamentale possedere la capacità di curare sia l’amministrazione tecnico-gestionale dell’archivio che l’assistenza agli utenti, per impiegare in modo ottimale le risorse e le strutture.

Esistono molte opportunità di specializzazione per chi desidera svolgere questa attività, fra cui la scuola per archivisti dell’Università di Bologna, la scuola speciale per archivisti e bibliotecari dell’Università di Roma (accesso dopo un primo biennio c/o giurisprudenza, lettere e filosofia, scienze politiche, materie letterarie, pedagogia, lingue e letterature straniere moderne, storia e tutela dei beni culturali oppure sociologia), la scuola di specializzazione in diplomatica e archivistica dell’Università di Bari e la scuola vaticana di Paleografia, Diplomatica e Archivistica, riservata a laureati in possesso di un’ottima conoscenza del latino. Inoltre presso 17 Archivi di Stato vi sono altrettante scuole di archivistica, paleografia e diplomatica, con corsi biennali per diplomati, obbligatori per i funzionari della carriera direttiva dello stato. Infine l’ANAI, l’Associazione nazionale degli Archivisti italiani, offre convegni e seminari di perfezionamento per coloro che operano nel settore.

Il percorso di carriera nell’amministrazione statale inizia, in seguito al superamento di un concorso pubblico, con la VII qualifica di Archivista di Stato, per procedere poi con l’inquadramento nella qualifica di Archivista di Stato ricercatore storico-scientifico, per la quale è richiesto il Diploma Universitario in Archivistica, Paleografia e Diplomatica, la conoscenza approfondita, oltre al latino, di una lingua antica a scelta tra: greco, arabo, francese, tedesco, catalano, spagnolo, serbo-croato e l’ottima padronanza di una lingua straniera “moderna”. L’Archivista lavora in prevalenza alle dipendenze di archivi storici pubblici o, più raramente, privati o di natura ecclesiastica. Il suo grado d’autonomia è piuttosto ampio, in particolare negli ambiti di attività che non sono standardizzati. Nello svolgimento del proprio lavoro l’Archivista avrà rapporti funzionali con figure tecniche come Restauratori, Fotografi, Informatici, figure amministrative per la gestione finanziaria e del personale, e figure di supporto per la sorveglianza e la custodia delle sale.

Le recenti normative che riguardano gli enti pubblici impongono di rendere accessibili, in qualunque momento, i documenti prodotti. Questo obbliga alla creazione di archivi storici e di deposito, che richiedono l’impiego di personale specializzato. Le prospettive occupazionali per il futuro sembrano piuttosto promettenti.

Come Promuovere la Propria Attività con un Maxischermo

La pubblicità per un’azienda che vuole distribuire e vendere il proprio prodotto è un mezzo informativo necessario. Molti si affidano alla cartellonistica pubblicitaria, che negli ultimi anni si è evoluta. Molte agenzie pubblicitarie propongono soluzioni innovative come i maxischermo. Leggi la guida per conoscerne caratteristiche, tipologie, e come scegliere i migliori maxischermo pubblicitari in base a criteri di qualità, prezzo, offerte e corretta informazione per il consumatore.

Carta stampata, spot in tv, banner pubblicitari sul web, ma le affissioni pubblicitarie restano, ad ogni modo, una delle metodiche di pubblicizzazione di un’azienda più diffusa e intramontabile! Dalle piccole alle grandi città è un susseguirsi di cartelloni ed immagini dalle piccole alle grandi proporzioni, con spot e signorine ammiccanti che strizzano l’occhio! Le misure sono standard si va dalle classiche affissioni su muro, sino alle affissioni giganti, all’interno di spazi messi a disposizione da agenzie di pubblicità che possono essere cartelloni o le facciate dei palazzi, questo avviene soprattutto nei luoghi di continuo transito, nei pressi di svincoli o nodi autostradali.
Questo perché si punta tutto sull’immagine! Anche perché il tempo di visione di un cartellone pubblicitario può durare alcuni secondi. Non c’è audio o elemento sonoro che accompagna la pubblicità ma solo l’immagine e naturalmente parole! Una buona grafica, quindi, è fondamentale. Colori, immagini, brevi slogan: mirati ed efficaci. La pubblicità su strada presuppone che sarà letta “in movimento”, mentre si corre al lavoro, imbottigliati nel traffico, mentre si aspetta un autobus.

Risulta essere per questo che deve essere diretta ed arrivare alle persone. Le strade delle nostre città sono tappezzate, ma non solo! Esistono altri mezzi di diffusione della pubblicità, per esempio, macchine private con i loghi dell’azienda, ma anche taxi o mezzi pubblici come autobus o tram. In questo contesto si sono affermati ultimamente i maxischermo. Una nuova metodica di diffondere messaggi pubblicitari che sta avendo grande diffusione. Permette di realizzare brevi spot ed essere in rotazione 24 ore su 24!
Le agenzie concessionarie di pubblicità si stanno dotando di questo ulteriore mezzo di comunicazione proponendo, pertanto, alle aziende che vogliono pubblicizzare la propria attività quanto di meglio vi sia per raggiungere i propri obiettivi.

Maxischermo, ossia il metodo, attualmente, più innovativo nell’ambito della pubblicità “on the road”. Un’evoluzione, per intenderci, del sempreverde cartellone pubblicitario! In concreto, questa tecnologia si basa su un maxischermo “full color” che permette, alle agenzie di pubblicità, di realizzare brevi spot o semplici presentazioni grafiche di un’azienda.
Gli spot realizzati sono a colori, pertanto, danno un’idea al 100% di quello che l’azienda vuole proporre ai consumatori. Possono essere immagini o filmati e saranno di alta qualità. Questi spot sono, oltretutto, proposti al pubblico tutto il giorno, in rotazione 24 ore su 24. Il punto forte di questa tecnologia, infatti, è che questi maxischermi sono in grado di essere visibili, in maniera chiara e nitida, in qualsiasi condizione atmosferica: giornata di sole, pioggia a catinelle e così via. La notte, naturalmente, danno il meglio di sé.
Un’azienda scegliendo questo servizio può decidere di realizzare un vero e proprio spot, diffondere promozioni o novità rispetto alla propria attività, con risultati ottimi e sicuramente più versatili, rispetto alle classiche affissioni pubblicitarie. Le qualità di questo mezzo di comunicazione, pertanto, sono indiscutibili. L’agenzia di pubblicità può rispettare i gusti del cliente, semplici o artificiosi che siano, ma al tempo stesso riuscire a realizzare un prodotto di qualità.
L’impatto visivo è assicurato, basta puntare su grafica e colori, l’immagine conta molto ed a volto rimane più impressa rispetto alle parole. Ricordatevi che come i classici cartelloni stradali, anche i maxischermi sono ubicati in zone di passaggio. Ed è per questo che le persone sono colpite da messaggi brevi e precisi, che restano impressi. La frenesia del traffico, infatti, non consente di avere un’attenzione totale della gente, pertanto si deve agire sulla “memoria visiva”.
L’uso di questa tecnologia è molto sviluppata in paesi come Giappone, Usa, pensate a Tokio o New York! In Italia sta cominciando ad affermarsi gradualmente dalle grandi città come Roma o Milano, fino ai centri più piccoli o nelle regioni più piccole.

Dopo avervi delineato la novità di questa tecnologia applicata alla pubblicità, è bene farvi conoscere, in linee generali, l’iter che porta l’azienda dall’agenzia di pubblicità al maxischermo. L’agenzia pubblicitaria è concessionaria di spazi per affissioni ed altrettanto per i maxischermo. Questi sono posizionati in punti strategici, di passaggio o di sosta. L’agenzia per i maxischermi mette a disposizione un palinsesto. Funziona quindi come quando si deve fare uno spot alla tv! Solo che qui non ci sono fasce orarie da rispettare in termine di costi! Il costo è determinato semplicemente dal lavoro che si deve fare per la realizzazione dello spot, dal numero dei passaggi e dalla durata dello stesso.
Generalmente i palinsesti a disposizione non sono lunghi, anche perché non avrebbe senso fare degli spot che durano tanto, poiché si perderebbe il senso stesso della pubblicità. Gli spot su maxischermo sono brevi ed efficaci devono contenere tutto ciò di cui un’azienda vuole trasmettere ad un potenziale cliente. Lo spot è realizzato, generalmente, da grafici che possono richiedere immagini e loghi aziendali. Il tutto è concentrato in pochi secondi, in cui si susseguono alcune slide. Il reparto “creativo” può ideare su richiesta uno spot. Ma a volte non occorre, anche una semplice descrizione dell’azienda e di cosa fa, all’interno di un contesto come il maxischermo è vincente, ed arriva al cliente. L’impatto mediatico è la base di questo tipo di pubblicità
Il costo è in relazione al lavoro che si è realizzato per lo spot. Seguono, poi, i costi in base ai passaggi: numero giornaliero. Si sommano, ancora, i passaggi totali alla fine del mese. Ed eventualmente se si deve continuare a trasmettere nei successivi mesi. Generalmente le agenzie di pubblicità sono molto scrupolose e fanno e tutti questi punti fanno parte del contratto. Naturalmente ogni variazione dello spot ne consegue la stipula di uno nuovo.

Quali possono essere le prospettive in termine di ritorno economico e di immagine nella scelta, da parte di un’azienda, di questo tipo di propaganda pubblicitaria? Ci si potrebbe domandare perchè scegliere una pubblicità su maxischermo.
La creatività con i maxi schermi raggiunge il suo massimo sfogo. Perchè puoi raggiungere facilmente un grande numero di persone. Il messaggio pubblicitario è letto da tutti, indipendentemente dall’età, dal ceto sociale, dall’interesse o meno nel prodotto. Solitamente è la curiosità di vedere una pubblicità su uno schermo grande e colorato a far si che la gente sia interessata.
Lo schermo lo guardi, mille luci che si illuminano, grandi animazioni, disegni accattivanti catturano in pochi secondo l’interesse dell’automobilista di passaggio o del ragazzo che cammina tranquillo sul marciapiede. I maxi schermi hanno il pregio di ridurre drasticamente i costi per la pubblicità, evitando inutili volantinaggi, veicolando il messaggio in modo istantaneo ai bordi delle strade, nei marciapiedi, nelle piazze, ovunque è possibile mettere un maxi schermo a costi davvero ridotti e poter, con pochi passi, modificare o aggiornare la propria campagna pubblicitaria. È accessibile a tutti, stipulando contratti personalizzati.
Un’azienda optando per questo servizio può scegliere di realizzare uno spot per diffondere la propria attività, le promozioni o le novità rispetto al proprio lavoro, con risultati immediati rispetto alle classiche affissioni pubblicitarie. Questi maxischermi sono collocati in posizioni strategiche. Lungo le principali strade cittadine ed entrate autostradali, ma anche centri a fitto flusso di persone come per esempio: centri commerciali, stazioni ferroviarie, aeroporti, parcheggi. Questi spot saranno in rotazione 24 ore su 24, anche di notte, pertanto l’impatto visivo è garantito, nei pochi secondi dello spot grazie alla grafica, ai colori, si riesce a veicolare efficacemente il messaggio pubblicitario.

La scelta di una collocazione rispetto ad un’altra dipende dall’agenzia di pubblicità. Nel senso che, ogni agenzia è concessionaria di un determinato spazio. Per cui se volete la collocazione in un maxischermo vicino all’autostrada o un centro commerciale dipende dalla scelta dell’agenzia che voi fate. Un consiglio potrebbe essere quello di verificare quanti maxischermi possono esserci, più o meno, nella zona di vostro interesse. Notate che sul bordo vi sono sempre i recapiti dell’agenzia concessionaria. Quindi già così potere verificare di quanti maxischermi sia proprietaria un’agenzia.
In seguito potete effettuare la scelta chiamando direttamente ai numeri telefonici di riferimento. Sarete chiamati per un preventivo, oppure un incaricato dell’agenzia verrà nella vostra azienda. È il momento conoscitivo. Voi esporrete e descriverete la vostra attività e l’incaricato vi indicherà il modus operandi, le tariffe e così via. Successivamente vi sarà inviato il preventivo. Il preventivo potrebbe esservi fatto anche in loco, o nell’agenzia qualora siate voi a recarvi presso la sede ove è ubicata la stessa.
Si passa alla stipula del contratto nel quale devono esserci: il lavoro di preparazione dello spot, parte grafica, parte creativa (eventuali slogan), parte audio e video (possono anche essere forniti dall’azienda in questo caso i costi non sono conteggiati o sono minori), montaggio spot, durata dello spot, numero di passaggi dello spot all’interno di un palinsesto.
A questo costo si aggiunge, infine, il numero totale dei mesi in cui si vuole essere inseriti nel maxi schermo. Non preoccupatevi i costi non sono esorbitanti! Ed, inoltre, ci sono sempre soluzioni personalizzate, soprattutto, nei casi di utilizzo assiduo della piattaforma. Agevolazioni ci sono, anche per le variazioni dello spot, in base a promozioni. A volte sono applicati sconti. Resta un buon modo, economico ed accessibile, per un’azienda di farsi conoscere.

Come Procedere con la Codifica Prodotti Tramite Barcode

Ogni prodotto immesso sul mercato tramite la grande distribuzione, deve necessariamente riportare un barcode, ovvero un codice a barre che identifica l’articolo. Ma come va interpretato? Come è strutturato? Quali sono le caratteristiche di un codice a barre corretto? Ecco di seguito alcune nozioni fondamentali.

Il barcode è un sistema di identificazione internazionale e pertanto va costruito seguendo regole ben precise. Cerchiamo di capire innanzitutto la struttura di un codice a barre; il più comune è quello a 13 cifre, ovvero quello che viene definito “EAN 13”. Ecco un esempio: 8085643310069. Le prime due cifre rappresentano il prefisso EAN nazionale: in tal caso “80” identifica l’Italia; le 7 cifre che seguono, nel nostro esempio 8564331, rappresentano il Codice Proprietario del Marchio.

Come fare per ottenere il codice proprietario del marchio? In Italia l’associazione autorizzata a livello internazionale è INDICOD, con sede a Milano,seguendo le istruzioni riportate, è possibile iscriversi, aderendo al sistema GS1. L’associazione prevede la sottoscrizione di uno Statuto e il versamento di una quota annuale.

Una volta ottenuta l’assegnazione del codice produttore, si può procedere alla generazione di barcode e alla stampa delle relative etichette, seguendo scrupolosamente i parametri dimensionali e di colore dettati da Indicod: è infatti fondamentale essere sicuri, soprattutto per i prodotti destinati alla grande distribuzione, che le etichette vengano lette correttamente dallo scanner di magazzino e di cassa, evitando la mancata o non corretta identificazione degli articoli, con conseguente ammonizione da parte dell’organizzazione commerciale.

Come Funziona il Factoring

Il factoring il contratto tramite il quale un’ impresa trasferisce tutti o una parte dei suoi crediti commerciali ad una società di factor, in modo tale da poter smobilizzare immediatamente i capitali senza attendere la scadenza o semplicemente per esternalizzare il servizio di recupero crediti. Il contratto di factoring può comprendere o meno il servizio di garanzia, nel primo caso il rischio di insolvenza del debitore è assunto dalla società di factoring ( FACTORING PRO-SOLUTO) nel secondo caso rimane in capo all’impresa ( FACTORING PRO- SOLVENDO). E’ normale che se il rischio rimane in capo alla società di factoring, i costi per l’impresa saranno maggiori e quindi dovrà rinunciare ad una percentuale maggiore sui propri crediti commerciali . Nel caso di factoring Pro-solvendo se il debitore è inadempiente, la società di factoring potrà vantare un diritto di rivalsa nei confronto dell’impresa cedente che dovrà prontamente restituire le somme precedentemente ricevute dal factor.
I crediti ceduti devono essere crediti commerciali, derivanti dall’attività tipica dell’impresa.
Per poter cedere i crediti alla società di factor è necessario che i debitori ceduti siano stati precedentemente proposti ed approvati da quest’ultima, la quale successivamente indicherà per ciascuno l’importo di fido massimo che è disposta a riconoscere.
Secondo la legge la cessione di crediti ha effetto per ciasciun debitore ceduto, solo dal momento in cui questa si stata accettata o notificata.

A prescindere che il factoring sia pro-solvendo o pro-soluto le parti possono modificare la struttura finanziaria del contratto decidendo di applicare la formula
-del Factoring con accredito a distanza: alla scadenza del credito, la società di factoring verserà all’impresa l’intero importo del credito ceduto, in cambio di una commissione percentuale che in genere non superà il 5%.
-del Factoring con accredito anticipato: immediatamente dopo la notifica al debitore ceduto, la società di factoring versa all’impresa circa l’ 80 % del credito ceduto, mentre la differenza è trattenuta per possibili resi, abbuoni o contestazioni e verrà versata solo a scadenza.

Per l’impresa cedente il servizio di factoring comporta i seguenti costi
-commissioni factoring.
-recuperi spese.
-interessi sulle somme anticipate dalla società di factoring.
-nelle cessioni pro-soluto è previsto un ulteriore costo per ogni debitore ceduto, a copertura delle spese sostenute dalla società di factoring per poter valutare la sua solvibilità.

I vantaggi per l’impresa cedente:
-Smobilizzo immediato dei crediti.
-Certezza nei flussi di cassa.
-Si evita di svolgere in prima persona la funzione dell’esattore.

Il factoring può quindi essere uno strumento utile.

Come Aprire un Centro Estetico

Al giorno d’oggi l’estetica è molto importante e le persone diventano sempre più attaccate all’idea di stare bene con il proprio corpo, cercando di preservare la propria bellezza e di monitorare periodicamente la salute del corpo. Per questo spesso si va nei centri estetici. Ecco come aprirne uno.

Risulta essere diventata anche una specie di tendenza passare una giornata in un centro estetico e rimettersi in forze con una giornata di relax, magari facendo saune, massaggi o trattamenti per la pelle a base di fanghi e cose simili. Questo fenomeno prende forma sempre più col tempo, per questo aprire un centro estetico al giorno d’oggi risulta essere un buon investimento.

Per prima cosa devi trovare un locale adatto e metterlo a posto, creando tutti gli ambienti come si deve, allestendo le sale specifiche per i diversi trattamenti. E’ un investimento abbastanza serio, creare un ambiente sauna, docce di ogni tipo, sale per massaggi. Per una quantificazione dei costi è possibile leggere questa guida di Luca Russo su Tuaimpresa.net. Deve essere tutto a posto per poter superare i test per ricevere un’attestato di idoneità sanitaria dall’ASL competente.

noltre tra i dipendenti del personale vi devono essere degli specialisti attestati nel ramo dell’estetica, fisioterapisti ecc…La parte burocratica è simile per tutte le attività con uno scopo commerciale, ovvero l’apertura di una partita IVA e l’iscrizione alla camera di commercio nel registro delle imprese, nonchè una dichiarazione di inizio attività, da compilare presso il comune della città.