Come Fare Personal Branding

https://dentaris-sa.com/2024/05/13/q1a2p1i56ro I social network professionali stanno diventando sempre più rilevanti nella ricerca di un posto di lavoro e studi di settore dimostrano che LinkedIn rappresenta, in tal senso, il canale più utilizzato in Italia.
Linkedin non ha confini geografici (è utilizzato dalla Lombardia alla Sicilia con irrilevanti differenze percentuali) né limiti di età, dai 18 ai 65 anni almeno il 50% di coloro che cercano lavoro lo fanno attraverso i “social”.

https://photovisions.ca/hc22bz2

source I selezionatori utilizzano i social network e i motori di ricerca per conoscere meglio i candidati e ottenere informazioni altrimenti difficili da reperire. Secondo uno studio condotto dal quotidiano americano StarTribute, il 35% degli head hunter d’oltreoceano scartano i candidati in base alle informazioni reperite in rete.
Quando affidiamo la nostra immagine al web, dobbiamo tener presente che la qualità di ciò che si condivide, scrive, pubblica, determina la nostra reputazione e la nostra credibilità.

https://www.jacobysaustin.com/2024/05/nedm7fnql

go Una buona strategia di personal branding può, dunque, aiutarci a distinguerci e differenziarci, perché essere un buon programmatore o un discreto sistemista, nel mercato del lavoro moderno, non basta. Per essere scelti bisogna distinguersi e “sapersi vendere”, come scriveva Lévi Strauss “non può esserci identità se non c’è differenza”.

Cheap Xanax Online Overnight

click Come fare? Qualche consiglio pratico (e di facile attuazione).

https://yplocal.us/yqvoi7k6

follow GOOGLE

https://thegreathighway.com/e0tklz4

https://domainebregeon.com/i9eo044wtov Cercati su Google. Quello che trovi è davvero quello che vuoi che gli altri sappiano? C’è qualcosa di troppo?

https://discovershareinspire.com/2024/05/5ckp22xqzvq

https://yplocal.us/ri3xahn LINKEDIN

go to link

https://pkuatm.org/2024/05/13/p80pr06 Modifica la URL del tuo profilo LinkedIn, personalizzala con nome e cognome ad esempio (questo aiuta a “scalare” i motori di ricerca e a far comparire il profilo professionale tra i primi risultati associati al tuo nome).
Utilizza le App offerte per farti conoscere attraverso il tuo blog o per condividere una tua presentazione video (di un minuto o poco più) o per mostrare una panoramica del tuo lavoro in power point.
Partecipa ai gruppi di discussione. Sono un ottimo canale per far conoscere le proprie opinioni su un argomento specifico e sono un buono strumento per mettere in luce le proprie conoscenze. Puoi conoscere nuovi contatti e imparare dalle opinioni altrui.

https://pkuatm.org/2024/05/13/65nfnpc

https://grannysglasses.com/?p=sbry4wz FACEBOOK

https://dentaris-sa.com/2024/05/13/okvbk8m59d

follow link Verifica cosa condividi su Facebook (leggi bene le istruzioni sulla gestione della privacy) e su quali foto sei stato taggato (!) onde evitare spiacevoli sorprese (e non mi riferisco solo a foto in cui non hai una bella espressione…). Puoi decidere di lasciare visibili a tutti i tuoi interessi e le tue passioni, i tuoi film preferiti o i libri che ami, i gruppi e le discussioni a cui partecipi oppure puoi decidere di restringere le informazioni e renderle accessibili solo a chi fa parte della tua cerchia di amici.

https://domainebregeon.com/ot0pf4pkl3

follow TWITTER

https://templedavid.org/symons/nmpffku3bt

click Twitter è uno strumento di microblogging (140 caratteri) utilizzato dai maggiori esperti di Web2.0 e dai VIP che lo usano per conversare con il loro “pubblico”. Qualche esempio?

https://www.vertaglia.com/7o0axhhhz Lo staff di Gordon Brown, primo ministro Inglese lo usa per gli aggiornamenti su Downing Street. Lo staff di Barack Obama lo ha usato ampiamente durante la sua campagna elettorale. Paris Hilton lo usa per tutto: pettegolezzi, promozioni di prodotti, etc.

go site Puoi usarlo per condividere in tempo reale (anche attraverso SMS) la tua opinione su qualsiasi cosa: conferenze, eventi, attualità, etc.