Conto Deposito in Dollari – Vantaggi e Svantaggi

I conti deposito in dollari possono essere una soluzione interessante anche se riservata ai risparmiatori più esperti. Quali sono le loro caratteristiche peculiari e quali gli aspetti positivi e negativi.

I conti deposito in dollari seguono le stesse regole ed hanno un funzionamento uguale a quello dei conti deposito in euro. Le principali differenze riguardano i costi, e il discorso legato alla remunerazione in quanto bisogna tener presente quello che viene generalmente indicato con il termine di “rischio cambio”.

Infatti la particolarità di questi conti deposito sta nel fatto che le giacenze vengono effettuate in dollari, per cui nel momento in cui bisogna convertire il controvalore di euro in dollari o viceversa si deve tener presente anche il tasso di cambio e le relative commissioni di conversione o spread.

Conviene aprirlo?
Il conto deposito per sua stessa natura rappresenta uno strumento di risparmio di tipo passivo, in quanto con esso generalmente si accantonano o si parcheggiano dei surplus di liquidità che genereranno determinati rendimenti sulla base dei tassi di interesse applicati dalla banca.

Per cui la questione della convenienza dovrebbe essere spostata sui soggetti che potrebbero trarne un vantaggio e che sono soprattutto coloro che operano in valuta estera od ancora quelli che ricevono pagamenti in dollari che, usando il conto deposito nella valuta Usa, possono lasciare le somme ferme nei momenti in cui il cambio non è favorevole, ottenendo nel frattempo una certa remunerazione.

Con una buona conoscenza del mercato valutario si possono inoltre alimentare i rendimenti legati ai tassi di interesse attivi con i tassi di cambio più propizi. Il piccolo risparmiatore che non ha il desiderio di seguire le molte variabili, e che non vuole correre rischi, dovrebbe invece optare per un conto deposito in euro con elevati tassi di interesse come nel caso di quelli vincolati.

Caratteristiche: valutare tasse e commissioni di cambio
Non ci sono vantaggi sulla tassazione, dato che l’aliquota sui rendimenti è sempre pari al 20% e per l’imposta di bollo si seguono le regole applicate sugli altri conti. In più bisogna considerare che non sono molte le banche che prevedono questo genere di offerta, e generalmente è richiesta l’apertura di una posizione da correntista con un conto in euro.

Quindi bisogna fare una grande attenzione alla componente dei costi da sostenere complessivamente per poter mantenere entrambi i conti e l’impatto delle commissioni di conversione, aspetti questi che sono più facilmente gestibili da coloro che hanno una certa esperienza.

Per approfondire l’argomento ti consiglio di leggere conti deposito esteri: potrai avere una panoramica generale sui principali costi e soprattutto sugli aspetti legati alla sicurezza dei soldi depositati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *