Come Scegliere un Conto Deposito con Bancomat

La gamma di servizi connessi all’apertura di un conto deposito è aumentata negli ultimi anni. Con particolare riferimento a quelli liberi, riscontriamo ad esempio la possibilità di associare al conto una carta di debito per effettuare pagamenti e prelievi di contante.

L’evoluzione dei metodi di pagamento e dei servizi offerti dai conti correnti, ha contribuito ad ampliare l’operatività dei conti deposito, che in molti casi hanno perso la loro natura esclusivamente di ‘gestione e messa a profitto‘ del risparmio in cambio di una maggiore libertà di utilizzo.

Oggi non è più possibile usare quindi come discriminante, per l’individuazione dei conti correnti e dei conti deposito, la presenza di strumenti di pagamento ad essi collegati (tradizionalmente presenti solo sui conti correnti) o di tassi di interesse mediamente più elevati di quelli previsti in media dalle banche.

Infatti gli stessi conti correnti, a fronte di alcune condizioni particolari (legati a forti giacenze o altri strumenti di investimento) possono usufruire di tassi di interesse medio-alti, mentre i conti deposito possono avere delle carte di debito collegate (come il bancomat) che permetteranno di fare pagamenti e prelievi.

Cosa cambia con i conti deposito con bancomat?
In pratica davvero poco, se non il fatto che normalmente sono solo i conti deposito liberi a concedere questa possibilità, ed anche l’operatività del conto resta fortemente limitata.

Questi conti deposito in particolare consentono di fare bonifici e giroconti, depositi e prelievi come avviene per un qualsiasi conto deposito, ma in più viene concessa la possibilità di fare i prelievi con il rilascio di un bancomat, che permette quindi di compiere i pagamenti tramite Pos (anzi nella maggior parte dei casi i pagamenti tramite Pos possono essere illimitati e sempre gratuiti, mentre i prelievi presso gli sportelli ATM gratuiti sono limitati). Il rilascio del bancomat, invece, può essere fatto in modo gratuito o dietro il pagamento di un canone annuale.

Tipologie di istituti di credito che hanno forme di deposito associate a carte di debito
La formula del conto deposito associata a un bancomat ha ottenuto un discreto successo, poiché chi non ha bisogno di particolari esigenze a livello di operatività, e necessita, di contro, di un conto con un buon tasso di interesse e senza troppe spese, trova in questa soluzione un buon compromesso. Alcuni esempi reperibili sul mercato sono
Carta Libretto Postale e Carta Io: in realtà non si tratta di un vero conto deposto, ma la possibilità di utilizzare i libretti postali (che sono forme di deposito) associati a carte deposito, possono farli rientrare in questa categoria. Sia la carta ‘libretto postale’ (associata ai libretti nominativi ordinari) che la Carta Io (associata ai libretti per i minori di età pari e superiore ai 12 anni e inferiore ai 18 anni) sono rilasciate gratuitamente. Consentono prelievi senza commissioni presso qualsiasi postamat e permettono anche di effettuare i pagamenti sui Pos abilitati al circuito postamat;
Carta di debito (circuito Cirrus) Rendimax, di Ifis Banca: si tratta di un vero e proprio bancomat che viene rilasciato in modo perfettamente gratuito su richiesta ed è associato al conto Rendimax non vincolato. Sono previsti 5 prelievi gratuiti al mese presso gli sportelli ATM (il costo per quelli eccedenti è di 2 euro), mentre le operazioni di pagamento ai Pos gratuite sono illimitate sia in Italia che all’estero;
Carta di debito (circuito Cirrus) di Santander Bank, associata al conto Santander: il rilascio è gratuito, anche in questo caso non ci sono canoni annuali, ma le operazioni di prelievo gratuite sono 3 mensili (il costo per quelle in più è di 1,65 euro per i Paesi Ue e 2,58 euro per i Paesi extra Ue).

Molto interessante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *